::
SERVIZI AI LAVORATORI
Cerchi Lavoro?
Accoglienza e informazione
Orientamento
Autoimprenditoria
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Percorsi Formativi
Seminari informativi
Indennità disoccupazione (ASPI-miniASPI)
Collocamento spettacolo
Lavoratori in mobilità
Reimpiego di lavoratori in situazione di disagio sociale
Agevolazioni a favore dei datori di lavoro che assumono giovani a tempo indeterminato o trasformano a tempo indeterminato precedenti rapporti di lavoro
Gli avviamenti a selezione presso gli Enti Pubblici
 
::
SERVIZI ALLE IMPRESE
Cerchi personale?
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Datori di lavoro domestici
Procedura di mobilità
Iscrizione alle liste di mobilità
Informazione sulla Sicurezza sul Lavoro
Servizio alle neo-imprese
Procedura di cassa integrazione guadagni straordinaria CIGS
Ammortizzatori sociali in deroga 2012 - Accordo Regionale Emilia Romagna
Controversie collettive di lavoro
I contratti di solidarietà
Lavoro Intermittente
Comunicazioni dei datori di lavoro ai Centri per l'Impiego (SARE)
PIANO STRAORDINARIO DI CONTRASTO ALLA CRISI (anni 2014-2015)
INCENTIVI ALLE IMPRESE: PIANO GIOVANI PROVINCIALE
Incentivi all'occupazione
 
::
EURES
RETE EURES
 
::
SERVIZI AGLI ENTI PUBBLICI
Gli avviamenti a selezione negli Enti Pubblici
Comunicazioni degli Enti Pubblici ai Centri per l'Impiego
Autorizzazione Contratto di Formazione Lavoro per Pubbliche Amministrazioni
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Informazioni sulla Sicurezza sul Lavoro
 
::
GARANZIA GIOVANI
GARANZIA GIOVANI
 
::
::
AUTOIMPRENDITORIA
AVVIARE ATTIVITA' AUTONOMA
SERVIZI ALLE NEO IMPRESE
 
::
::
SERVIZI
Consigliera Provinciale di Parità
Regolarità-Sicurezza-Qualità del lavoro
 
::
PROGETTI e INIZIATIVE
Seminari in-formativi sul lavoro
Servizio Civile Volontario
 
::
RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA
S.I.R.S. - Servizio Informativo
 
::
PUBBLICAZIONI E PROGRAMMI
Pubblicazioni
Programmi
 
::
MODULISTICA
Per i cittadini
Per le imprese e gli enti pubblici
 
::
GENERALE
:: CREDITI
:: PRIVACY POLICY
 



Percorso: SERVIZI ALLE IMPRESE > Datori di lavoro domestici
:: NEWS SULL'ARGOMENTO


:: DATORI DI LAVORO DOMESTICI



Il rapporto di lavoro domestico consiste nella prestazione di un lavoratore per il funzionamento della vita familiare (art. 1 L. 339/58).

Il datore di lavoro può essere rappresentato da una singola persona o dalla famiglia. L'attività del lavoratore presso la famiglia non deve essere di tipo industriale, commerciale o professionale.

Le principali figure professionali del lavoro domestico sono:

  • giardinieri, custodi, autisti, portieri che svolgono la loro attività presso la famiglia e la sede privata dove questa dimora;
  • colf che svolgono mansioni relative alla pulizia della casa, alla lavanderia, alla preparazione dei pasti ed ai connessi compiti di cucina;
  • assistente ad animali domestici; 
  • baby sitter che svolge mansioni di vigilanza e cura di bambini in occasione di assenze dei familiari;
  • assistenti a persone anziane e non autosufficienti presso il proprio domicilio (badante).

Il contratto prevede che il lavoratore possa essere addetto allo svolgimento di mansioni plurime.

 

Come si assume un lavoratore domestico?

Il datore di lavoro deve trasmettere la comunicazione di assunzione del collaboratore domestico (UniLav) alla sede INPS, entro le ore 24 del giorno precedente a quello di inizio del rapporto di lavoro.  
 
 
L’obbligo di comunicazione esiste anche in caso di proroga, trasformazione e cessazione del rapporto di lavoro.
 
Se il lavoratore domestico è di nazionalità italiana o proviene da Paesi dell'Unione Europea il datore di lavoro lo può assumere direttamente, dopo aver concordato gli elementi del rapporto di lavoro (orario, retribuzione, ferie ecc.).
 
Il lavoratore deve essere in possesso di:
• codice fiscale
• documento di identità
• tessera sanitaria aggiornata e rilasciata dall'ASL
 

Se il lavoratore domestico è extracomunitario il datore di lavoro lo può assumere direttamente, dopo aver concordato gli elementi del rapporto di lavoro (orario, retribuzione, ferie ecc.) allegando alla domanda di assunzione il permesso di soggiorno del lavoratore. 

Il lavoratore deve essere in possesso di:
• codice fiscale
• permesso di soggiorno in corso di validità
• tessera sanitaria aggiornata e rilasciata dall'ASL


:: CONTATTI

Provincia di Piacenza
Uffici di Borgo Faxhall
tel 0523/795744-746 fax 0523/795751
mail: sil.piacenza@provincia.pc.it

Approfondimenti


TornaTorna