::
SERVIZI AI LAVORATORI
Cerchi Lavoro?
Accoglienza e informazione
Orientamento
Autoimprenditoria
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Percorsi Formativi
Seminari informativi
Indennità disoccupazione (ASPI-miniASPI)
Collocamento spettacolo
Lavoratori in mobilità
Reimpiego di lavoratori in situazione di disagio sociale
Agevolazioni a favore dei datori di lavoro che assumono giovani a tempo indeterminato o trasformano a tempo indeterminato precedenti rapporti di lavoro
Gli avviamenti a selezione presso gli Enti Pubblici
 
::
SERVIZI ALLE IMPRESE
Cerchi personale?
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Datori di lavoro domestici
Procedura di mobilità
Iscrizione alle liste di mobilità
Informazione sulla Sicurezza sul Lavoro
Servizio alle neo-imprese
Procedura di cassa integrazione guadagni straordinaria CIGS
Ammortizzatori sociali in deroga 2012 - Accordo Regionale Emilia Romagna
Controversie collettive di lavoro
I contratti di solidarietà
Lavoro Intermittente
Comunicazioni dei datori di lavoro ai Centri per l'Impiego (SARE)
PIANO STRAORDINARIO DI CONTRASTO ALLA CRISI (anni 2014-2015)
INCENTIVI ALLE IMPRESE: PIANO GIOVANI PROVINCIALE
Incentivi all'occupazione
 
::
EURES
RETE EURES
 
::
SERVIZI AGLI ENTI PUBBLICI
Gli avviamenti a selezione negli Enti Pubblici
Comunicazioni degli Enti Pubblici ai Centri per l'Impiego
Autorizzazione Contratto di Formazione Lavoro per Pubbliche Amministrazioni
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Informazioni sulla Sicurezza sul Lavoro
 
::
GARANZIA GIOVANI
GARANZIA GIOVANI
 
::
::
AUTOIMPRENDITORIA
AVVIARE ATTIVITA' AUTONOMA
SERVIZI ALLE NEO IMPRESE
 
::
::
SERVIZI
Consigliera Provinciale di Parità
Regolarità-Sicurezza-Qualità del lavoro
 
::
PROGETTI e INIZIATIVE
Seminari in-formativi sul lavoro
Servizio Civile Volontario
 
::
RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA
S.I.R.S. - Servizio Informativo
 
::
PUBBLICAZIONI E PROGRAMMI
Pubblicazioni
Programmi
 
::
MODULISTICA
Per i cittadini
Per le imprese e gli enti pubblici
 
::
GENERALE
:: CREDITI
:: PRIVACY POLICY
 



Percorso: SERVIZI ALLE IMPRESE > Procedura di cassa integrazione guadagni straordinaria CIGS
:: PROCEDURA DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA CIGS



La Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) è finalizzata a fronteggiare gravi situazioni di eccedenza occupazionale e a garantire la continuità del reddito ai lavoratori sospesi dal processo produttivo.

Presupposto necessario è la presentazione di un programma mirato al rilancio dell’attività ed alla salvaguardia (anche parziale) dei livelli occupazionali.

In tale eventualità viene assicurato a tutti i dipendenti (con un’anzianità di servizio di almeno 90 giorni alla data della richiesta) un’indennità pari all’80% della retribuzione che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate, nei limiti dei massimali di legge.

L’istituto opera in caso di sospensione o riduzione di attività, motivate da:

  • Ristrutturazione (mutamento di tecnologie), riorganizzazione (mutamento dell’organizzazione aziendale) o riconversione aziendale (mutamento dell’attività stessa),
  • Crisi aziendale di particolare rilevnza sociale in relazione alla situazione occupazionale locale e alla situazione produttiva del settore,
  • Procedure concorsuali: dichiarazione di fallimento, provvedimento di liquidazione coatta amministrativa, sottoposizione ad amministrazione straordinaria, omologazione del concordato preventivo con cessione di beni.

La Provincia è competente a svolgere l’esame congiunto previsto nelle procedure relative agli interventi di integrazione salariale straordinaria, allorquando la procedura di CIGS coinvolga lavorati di una stessa impresa con una o più unità aziendali ubicate nell’ambito del territorio provinciale.

 

A chi si rivolge?

  • Imprese industriali (comprese quelle edili e affini, artigiane dell’indotto, appaltatrici di servizi di mensa e ristorazione, appaltatrici di servizi di pulizia del terziario, cooperative agricole e relativi consorzi, dei settori ausiliari del servizio ferroviario) che abbiano occupato mediamente più di 15 lavoratori nel semestre precedente la data di presentazione della richiesta di intervento integrativo salariale, computati anche gli apprendisti, i lavoratori assunti con contratto di formazione e lavoro, i lavoratori part-time (computati per l’intero), i lavoratori a domicilio e i dirigenti.
  • Imprese commerciali, agenzie di viaggio e turismo che occupano più di 50 dipendenti alla data di presentazione della domanda.
  • Editori di giornali quotidiani,  agenzie di stampa ed imprese di vigilanza senza requisito minimo occupazionale.

Come funziona?

COMUNICAZIONE ALLE OO.SS.

L’impresa che intende ricorrere alla CIGS, direttamente o tramite l’associazione imprenditoriale a cui aderisca o conferisca mandato, deve darne tempestiva comunicazione alle rappresentanze sindacali unitarie o, in mancanza, alle organizzazioni sindacali di categoria dei lavoratori comparativamente più rappresentative operanti nella provincia.

ESAME CONGIUNTO

Entro tre giorni dalla comunicazione è presentata, dall’imprenditore o dagli organismi rappresentativi dei lavoratori, domanda di esame congiunto della situazione aziendale.

La domanda deve esser presentata:

Ø      alla Provincia se si tratta di impresa con unità aziendali ubicate nell’ambito dello stesso territorio provinciale;

Ø      alla Regione se si tratta di impresa con unità aziendali ubicate in diverse Province di una stessa Regione

Ø      al Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale se si tratta di impresa con unità aziendali ubicate in più Regioni. In tal caso l’Ente Locale è chiamato ad esprimere un parere.

Costituisce oggetto dell’esame congiunto il programma che l’impresa intende attuare, comprensivo della durata e del numero di lavoratori interessati sospensione nonché le misure previste per la gestione di eventuali eccedenze di personale, i criteri di individuazione dei lavoratori da sospendere, le modalità di rotazione tra i lavoratori occupati nelle unità produttive interessate alla sospensione. Nel caso di mancata adozione di meccanismi di rotazione l’impresa è tenuta indicarne le ragioni tecnico-organizzative.

All’incontro per l’esame congiunto partecipano anche funzionari della Direzione Provinciale del Lavoro o della Direzione Regionale del Lavoro, a seconda che l’intervento di integrazione salariale straordinaria riguardi unità produttive ubicate in una sola provincia o in più provincie della medesima regione.

L’intera procedura di consultazione, attivata dalla richiesta di esame congiunto, si deve concludere entro 25 giorni successivi a quello in cui è stata avanzata la richiesta medesima, ridotti a 10 per le aziende fino a 50 dipendenti.

DOMANDA

La domanda di ammissione alla CIGS va presentata ai competenti uffici del Ministero del Lavoro  entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso al termine della settimana nella quale ha avuto inizio la riduzione o la sospensione  dell’orario di lavoro. Ciascuna domanda di CIGS può essere riferita ad un periodo massimo di 12 mesi.

Secondo quanto disposto dalla Circolare n. 39/2009, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali rende disponibile la procedura denominata CIGSonline per la presentazione delle domande on-line, l'applicazione Web dedicata alla gestione informatica delle richieste di cassa integrazione guadagni straordinaria e per contratti di solidarietà di cui alla legge 863/84

CONCESSIONE DEL MINISTERO

La Divisione IV della Direzione Generale degli Ammortizzatori Sociali e Incentivi all'Occupazione è l'ufficio del Ministero del Lavoro preposto all'istruttoria delle istanze presentate dalle aziende per usufruire del trattamento straordinario di integrazione salariale.

La procedura termina con il decreto di concessione emanato dal ministero del lavoro. 


:: CONTATTI

Provincia di Piacenza - Uffici di Borgo Faxhall
dott. ssa Paola Bailo
tel. 0523/795501
paola.bailo@provincia.pc.it

Approfondimenti


TornaTorna