::
SERVIZI AI LAVORATORI
Cerchi Lavoro?
Accoglienza e informazione
Orientamento
Autoimprenditoria
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Seminari informativi
Indennità disoccupazione (ASPI-miniASPI)
Lavoratori in mobilità
Gli avviamenti a selezione presso gli Enti Pubblici
 
::
SERVIZI ALLE IMPRESE
Cerchi personale?
Tirocinio formativo e di orientamento
Comunicazioni dei datori di lavoro ai Centri per l'Impiego (SARE)
Procedura di mobilità
Datori di lavoro domestici
Servizio alle neo-imprese
Procedura di cassa integrazione guadagni straordinaria CIGS
Controversie collettive di lavoro
I contratti di solidarietà
Iscrizione alle liste di mobilità
INCENTIVI ALLE IMPRESE: PIANO GIOVANI PROVINCIALE
Lavoro Intermittente
Collocamento Mirato Disabili
Incentivi all'occupazione
 
::
EURES
RETE EURES
 
::
SERVIZI AGLI ENTI PUBBLICI
Gli avviamenti a selezione negli Enti Pubblici
Comunicazioni degli Enti Pubblici ai Centri per l'Impiego
Autorizzazione Contratto di Formazione Lavoro per Pubbliche Amministrazioni
Tirocinio formativo e di orientamento
Collocamento Mirato Disabili
Informazioni sulla Sicurezza sul Lavoro
 
::
ACCESSO AGLI ATTI
Accesso agli atti Legge 241/90: nuove regole dal 15 settembre 2017.
 
::
::
AZIONI ANTICRISI SUL TERRITORIO
INIZIATIVE DELLA PROVINCIA DI PIACENZA
INIZIATIVE DEI COMUNI
 
::
::
OSSERVATORIO MERCATO del LAVORO
Osservatorio Mercato del Lavoro
 
::
SERVIZI
Regolarità-Sicurezza-Qualità del lavoro
 
::
PROGETTI e INIZIATIVE
Seminari in-formativi sul lavoro
 
::
RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA
S.I.R.S. - Servizio Informativo
 
::
PUBBLICAZIONI E PROGRAMMI
Pubblicazioni
 
::
MODULISTICA
Per i cittadini
Per le imprese e gli enti pubblici
 
::
GENERALE
:: CREDITI
:: PRIVACY POLICY
 



Percorso: SERVIZI ALLE IMPRESE > Incentivi all'occupazione > Lavoratori in cassa integrazione guadagni straordinaria (CIGS)

:: LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA (CIGS)

L’art. 8, comma 9, della Legge n.407/1990 e l’art. 4, comma 3, della Legge n.236/1993 prevedono che in caso di assunzione di lavoratori sospesi in cassa integrazione guadagni straordinaria al datore di lavoro spettano particolari agevolazioni, che differiscono a seconda della durata del periodo di fruizione dell’integrazione salariale da parte del lavoratore.

Se ne distinguono due fattispecie e precisamente:

  1. L’assunzione di lavoratori in cigs da 24 mesi,
  2. L’assunzione di lavoratori in cigs da 3 mesi, anche non continuativi,  da imprese che beneficiano da almeno 6 mesi dell’intervento di CIGS.

A chi si rivolge?

  • Può fruire dei benefici previsti per chi assume un lavoratore in cassa integrazione guadagni straordinaria da almeno 24 mesi qualsiasi datore di lavoro.
  • Possono fruire dei benefici previsti per chi assume un lavoratore in cassa integrazione guadagni straordinaria da almeno 3 mesi i datori di lavoro, comprese le cooperative di produzione e lavoro, che non abbiano in corso sospensioni dal lavoro per cigs ovvero non abbiano proceduto a riduzione di personale nei 12 mesi precedenti, salvo che l’assunzione avvenga ai fini di acquisire professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori interessati alle predette riduzioni o sospensioni di personale.

Qualora siano effettuate operazioni societarie a seguito delle quali l’azienda che ha licenziato i lavoratori e quella che li assume, benché distinte quanto alla forma, rappresentino nei fatti l’una la trasformazione o la derivazione dell’altra, gli incentivi di legge (Cir. INPS n.122/1999) possono essere concessi qualora:

⇒ tra le parti interessate sia intervenuto uno specifico accordo sindacale finalizzato alla salvaguardia dei livelli occupazionali,

⇒il datore di lavoro subentrante garantisca la continuità dell’attività produttiva per almeno ulteriori 12 mesi oltre la durata prevista dalla legge per la fruizione dei benefici contributivi in questione, a decorrere dalla data di assunzione dei lavoratori dalle liste di mobilità.

Come funziona?

Lavoratori in cassa integrazione da 24 mesi (art. 8, comma 9, Legge n. 407/1990)

 Per avere diritto al beneficio di legge occorre che l’assunzione:

  1. avvenga a tempo indeterminato,
  2. riguardi lavoratori in cigs a zero ore da almeno 24 mesi,
  3. non avvenga per sostituire lavoratori licenziati o sospesi.

In tal caso al datore di lavoro spetta, per la quota a suo carico, la riduzione dei contributi previdenziali ed assistenziali nella misura del 50% per un periodo di 36 mesi.

Il beneficio è elevato al 100% per le imprese artigiane e per le imprese operanti nei territori del Mezzogiorno.

 

Lavoratori in cassa integrazione da 3 mesi (art. 4, comma 3, Legge n. 236/1993 – art.2, comma 2 bis Legge n.451/1994)

Per avere diritto ai benefici di legge occorre chel ’assunzione:

  1. l’assunzione sia a tempo pieno ed indeterminato,
  2. riguardi lavoratori o soci lavoratori che abbiano fruito del trattamento straordinario di integrazione salariale per almeno 3 mesi, anche se non continuativi,
  3. i lavoratori sospesi siano dipendenti da imprese beneficiarie da almeno 6 mesi dell’intervento di CIGS,
  4. non si tratti di assunzione di lavoratori collocati in mobilità nei 6 mesi precedenti da parte di imprese dello stesso o diverso settore di attività che, al momento del licenziamento, presentavano assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli dell’impresa che assume ovvero risultino con quest’ultima in rapporto di collegamento e di controllo (art.2, comma 2 bis eLegge n.451/1994 - Cir. INPS n.239/1994).

In tale ipotesi il datore di lavoro ha diritto ai seguenti benefici:

  • Sgravio contributivo per 12 mesi analogo a quello previsto per i datori di lavoro che assumono apprendisti, ferma restando la contribuzione a carico del lavoratore nelle misure previste per la generalità dei lavoratori.
  •  Contributo mensile pari al 50% dell’indennità di mobilità che sarebbe stata corrisposta al lavoratore se fosse rimasto disoccupato. Tale contributo può essere erogato nella misura massima di 9 mesi; il limite di durata massima è elevato a 21 mesi se il lavoratore ha più di 50 anni ovvero a 33 mesi se l’assunzione viene effettuata nei territori del Mezzogiorno o nelle aree svantaggiate.      



TornaTorna